Abusi sessuali: Don Alberto Barin, domiciliari in convento

Don Alberto Barin sconterà gli arresti domiciliari in convento. A deciderlo il Gip di Milano Enrico Manzi, accogliendo la richiesta del legale del religioso, l’avvocato Mario Zanchetti. La procura di Milano aveva espresso parere contrario all’istanza.L’ex cappellano del carcere di San Vittore era stato arrestato con  l’accusa di abusi e violenze sessuali nei confronti di 11 detenuti. Don Barin, 51 anni, era finito in carcere lo scorso 20 novembre, nell’ambito dell’inchiesta condotta da squadra mobile e polizia penitenziaria e coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Pietro Forno e dai pm Daniela Cento e Lucia Minutella.
Secondo l’accusa, l’ex cappellano del carcere di piazza Filangieri faceva leva sullo “stato di bisogno” dei detenuti, che si rivolgevano a lui per avere sigarette, shampoo, saponette o  spazzolini, e poi appagava le sue “pulsioni”, chiedendo loro in cambio favori sessuali. Quando, scontata la pena i detenuti uscivano dal penitenziario, sempre secondo le indagini, li “invitava” a passare a casa sua per altre prestazioni, facendogli pesare il fatto che i suoi pareri di “buona condotta” erano stati utili per le scarcerazioni.
Gli abusi contestati a novembre erano 6. Lo scorso aprile gli è però stata notificata nel carcere di Bollate una nuova ordinanza  per violenze sessuali nei confronti di altre cinque vittime.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Domino e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...