Olimpiadi 2024, Malagò: “Un paese in grado di preparare gli impianti”

AGGIORNAMENTO 21:34

Vedi: Olimpiadi 2024: Malagò, possiamo giocarcela fino in fondo. Oggi l’icontro con Pisapia e Maroni

Lavorare in armonia per una candidatura unica. Questo il messaggio che emerge dal confronto tra i sindaci di Roma e Milano, i governatori di Lazio e Lombardia e il presidente del Coni Giovanni Malagò, dedicato alla candidatura alle Olimpiadi del 2024. L’incontro, iniziato intorno alle 17.30, si è concluso alla 20 nella sede del Comitato Olimpico.
“Ammesso che ci sia una candidatura, gli impianti dovranno essere pronti tra undici anni. Spero che per allora il Paese sia in grado di dimostrare qualcosa anche sotto il profilo degli impianti, altrimenti ci sarebbe veramente molto da preoccuparsi”, ha chiarito Malago’.
“La città prescelta ufficialmente si potrà sapere tra settembre e dicembre del 2014, mentre la candidatura non ci sara’ prima della primavera del 2015. Perche’ non e’ detto che se ci sara’ una citta’ necessariamente dovra’ esserci una candidatura, proprio per essere sicuri che le cose le facciamo bene”, ha concluso il presidente del Coni.

Maroni: “Importante investire nelle strutture sportive”  –  Dello stesso parere anche il governatore della Lombardia Maroni: “Siamo tutti d’accordo nel rafforzare gli investimenti negli impianti sportivi. Il Coni ha detto che farà approfondimenti e ci rivedremo prima di Natale a Milano per fare in modo che ci sia una candidatura unitaria. Tra le due città ci sono caratteristiche diverse, vogliamo evitare il conflitto. La cosa importante è che due città lavorino per costruire una candidatura unitaria e per rafforzare strutture sportive a disposizione dei cittadini”.

“Roma in vantaggio? Non confermo e non smentisco”  –  Le conclusioni sono, comunque, affidate a Malagò che chiude così la riuione: “Non ci sarà campanilismo, né due gruppi di lavoro e soldi spesi inutilmente… Le parole di Letta? Si andrà con fari accesissimi sul fatto che il governo dà la sua disponibilità a una candidatura unica, a fari spenti finché non saremo in grado di costruirla. Sono moltissime le variabili che incidono in questa scelta. Si  è parlato di un lasciapassare di Milano per favorire Roma? Lasciapassare non è il termine corretto, c’è ampia disponibilità a convergere su un’unica candidatura, fermo restando che tutti vogliono capire cosa significhi. Non posso né confermare, né smentire”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Domino e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...