Squinzi: “Troppi ritardi sui lavori per Expo 2015, fare il massimo”

”Sul fronte delle infrastrutture Expo 2015 sembra scontare ritardi tra responsabilità regolatorie poco chiare, contenziosi amministrativi e difficoltà di reperire le risorse, con il rischio di rendere difficile l’accesso ai siti espositivi”.
Per questo il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi chiede di ”fare il massimo per portare a termine gli interventi previsti perché le opere infrastrutturali legate ad Expo avranno un impatto nell’immediato ma anche sul lungo periodo in termini di occupazione, mobilità e potenziamento della logistica dell’area”.
Con gli ultimi provvedimenti del Governo, secondo Squinzi, ”di fatto si è cercato solo di assicurare la cantierabilità di opere già aggiudicate o ferme per assenza di risorse e alcune di queste sono strettamente legate ad Expo 2015”. Complessivamente in termini infrastrutturali, secondo Squinzi ”il fabbisogno di 11 miliardi di euro per il triennio 2014-2016 indicato dall’allegato Infrastrutture al Def non viene coperto dalla legge di stabilità 2014 che ridistribuisce poco più di 2 miliardi non utilizzati su capitoli di spesa definanziati in precedenza”. Per questo, secondo Squinzi, ”le risorse del decreto Destinazione Italia che puntano su Expo sono ancora deboli, sebbene siano positive”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Domino e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...