Il “bollettino di guerra” della clinica Santa Rita: 150 feriti e 4 morti

Non ha usato mezze misure il pubblico ministero Tiziana Siciliano, titolare con la collega Grazia Pradella dell’inchiesta sulla cosiddetta clinica degli orrori, nella requisitoria del processo bis sulla casa di cura Santa Rita parlando di “bollettino di guerra”. I pazienti operati dall’ex primario del reparto di Chirurgia Pier Paolo Brega Massone e dai suoi vice Marco Pansera e Pietro Fabio Presicci sarebbero stati operati a solo scopo di lucro, “perché un’arma bianca – il bisturi – che ferisce 150 persone con dei morti è un bollettino di guerra”, sottolinea Siciliano. Secondo il pm, “alla Santa Rita c’è stata un deriva e la clinica rimarrà per sempre nell’immaginario collettivo un posto dove si è potuto per anni fare del male alle persone e io torno con la domanda ossessiva: perché? Perché in Santa Rita tutto questo si è fatto sistema… Perché si è potuta creare una serie così impressionante di delitti… Perché l’incontro tra il notaio Pipitone (Francesco, il proprietario morto nel novembre 2010) e il dottor Brega Massone è stato il più catastrofico incontro di megalomanie che mente umana avrebbe potuto concepire”.

“Clinica degli orrori”, scarcerato Brega Massone ex chirurgo Santa Rita

Udienza lampo per la “Clinica degli Orrori”. Rinvio a febbraio

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Domino e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...