Anpi dona un monumento alla Resistenza per il campo sportivo Giuriati

Rendering del monumento

Si intitola “Pagina della memoria” il monumento donato al Comune dall’Anpi – Sezione Zona 3 di Milano, in ricordo dei 15 partigiani fucilati nel 1945 al campo sportivo Giuriati. La Giunta di Palazzo Marino ha approvato l’accettazione della donazione dell’opera dello scultore Mauro Giuntini, che sarà collocata nel Giardino della Resistenza, all’interno del campo sportivo, in sostituzione della vecchia stele inaugurata nel gennaio del 1954 e ormai in stato di degrado.

“Il campo Giuriati è un luogo della memoria: aver recuperato questo monumento è importante per Milano, città medaglia d’oro per la Resistenza e capitale della Resistenza italiana al nazifascismo. È significativo fare l’inaugurazione l’anno prossimo, nel settantesimo anniversario della liberazione di Milano e d’Italia”, spiega il presidente provinciale dell’Anpi Roberto Cenati.

Il monumento consiste in due lamiere in acciaio inox piegate, saldate e lucidate, posizionate in modo da formare tra loro un angolo di 120 gradi. Le scritte tagliate a laser e ricoperte all’interno con lamiera in acciaio riportano i nomi dei 15 partigiani e la loro età al momento della fucilazione. Il campo Giuriati fu una della sedi delle esecuzioni effettuate a Milano tra il 1944 e il 1945. I 15 condannati a morte, cui il monumento è dedicato, appartenevano alle formazioni partigiane dei Gap e del Fronte della Gioventù per l’indipendenza nazionale e per la libertà, e vennero fucilati tra il 14 gennaio e il 18 marzo 1945.

Questa voce è stata pubblicata in Domino. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...